Intervista con Vitalik Buterin sulla prossima generazione di Cryptocurrency

Il futuro di Bitcoin è incerto. Molti esperti stanno discutendo cosa sarà della blockchain in futuro e come verrà utilizzata tale tecnologia. Sono presenti diverse startup nell'area Bitcoin, ma la maggior parte di queste non trovano applicazione. Quale sarà il futuro di Bitcoin e Blockchain nei prossimi 5 anni?

Intervista con Vitalik Buterin sulla prossima generazione di Cryptocurrency

Il futuro di Bitcoin è incerto. Molti esperti stanno discutendo cosa sarà della blockchain in futuro e come verrà utilizzata tale tecnologia. Sono presenti diverse startup nell'area Bitcoin, ma la maggior parte di queste non trovano applicazione. Quale sarà il futuro di Bitcoin e Blockchain nei prossimi 5 anni?

Vitalik Buterin, co-founder di Ethereum, la piattaforma decentralizzata di publishing 3.0, sta lavorando sull'implementazione di Ethereum 2.0. Vitalik ha risposto ad alcune domande per Cointelegraph.

Cointelegraph: La domanda più interessante riguarda la prossima generazione di cryptocurrency. Quale sarà il prossimo passo evolutivo dopo Ethereum, Litecoin e Bitcoin?

Vitalik Buterin: Dunque, ci sono un paio di direzioni della ricerca che ritengo importanti. Forse l'elemento più importante è la scalabilità; in questo momento, blockchain è in grado di elaborare solo 4-20 transazioni al secondo e il principale motivo è la limitazione fondamentale che ogni nodo della rete deve elaborare ogni transazione. Quindi, a differenza di altri sistemi decentralizzati (es. BitTorrent) che ottengono maggiore potenza se aumentano i nodi, blockchain ottiene il risultato opposto, ovvero rallenta se si aggiungono nuovi partecipanti (la rete cresce e la latenza aumenta logaritmicamente, mentre la potenza di ciascun nodo non aumenta affatto). Ci sono due percorsi principali per risolvere questo problema:

1. “State Channels

2. Frammentazione, vale a dire avere diversi nodi che elaborano transazioni differenti, in modo che ogni transazione venga elaborata solo da un piccolo sottoinsieme di nodi”

La seconda è un'integrazione crittografica più forte. Ci sono già un sacco di progetti riguardo ring signatures linkabili, che forniscono proprietà di privacy moderatamente forti. In futuro probabilmente la community lavorerà su “zero-knowledge proofs” (in particolare zk-SNARKs), creazioni molto più potenti e in grado di fornire privacy e restando praticamente inattacabili dal punto di vista matematico. Questo potrebbe essere utile per creare un protocollo (o in caso di Ethereum, super-protocollo) currency mixer, ma ci sono anche applicazioni più complesse che hanno bisogno di privacy, ad esempio i contratti finanziari, dati relativi a identità e reputazione, multisig escrow.

Vitalik Buterin -- Co-fondatore Ethereum

CT: Quali dovrebbero essere le nuove caratteristiche di una cryptocurrency perchè abbia successo?

VB: Per quanto riguarda le cryptocurrency in particolare, penso che in questo momento, al fine di ottenere una nuova crittovaluta utile nel settore dei pagamenti si deve offrire qualche tipo di vantaggio rispetto alle politiche monetarie di Bitcoin. Un percorso può essere l'approccio “stablecoin”: creare un asset progettato per avere una bassa volatilità (quasi zero) rispetto al dollaro o all'SDR, utilizzando altri asset ad alta volatilità in grado di assorbire le oscillazioni di mercato. In caso contrario, la cosa migliore da fare per aiutare la diffusione di una moneta e lo sviluppo di “gateway universali”: servizi che ne rendano facile l'utilizzo per clienti e commercianti, pagando l'un l'altro in diverse valute e convertendole se necessario.

“La mia visione sul futuro di infrastrutture di crypto-payment per consumer e merchant, è quella in cui il cliente dichiara l'insieme delle valute S che è disposto a pagare, il commerciante dichiara l'insieme delle valute T che è disposto ad accettare, se gli insiemi S e T hanno un punto in comune viene trovato un cambio grazie ad algoritmi su mecati decentralizzati cercando la via più economica di scambiare qualcosa che il cliente sia felice di dare e il commerciante sia disposto ad accettare”

CT:La scalabilità è il problema principale di Bitcoin – Cosa pensi a riguardo?

VB: In particolare, bisogna dire che la scalabilità non è solo un problema di un lontano futuro, ma lo è già ora. Il fatto è che se siamo in grado di risolvere la scalabilità oggi, allora possiamo ridurre il costo di una transazione su blockchain di 100 volte, diciamo da 0,04 $ a 0,0004 $. A questo punto, utilizzare blockchain per ogni cosa diventerebbe incredibilmente economico e le persone comincerebbero a utilizzarla come applicazione ad alta affidabilità nello sviluppo di infrastrutture semplicemente per convenienza. Immaginate una email crittata su blockchain. Sarebbe molto semplice da scrivere con non più di 100 righe di codice.

Scalabilità è anche volatilità dei prezzi. Le persone normali non vogliono essere pagate con asset volatili che possono raddoppiare o dimezzare il proprio valore prima di averli potuti spendere.

CT: Per quali applicazioni sarà utilizzata la prossima generazione di Blockchain?

VB: Nel lungo periodo, vedo le attuali blockchain e altre tecnologie di decentralizzazione come distributed hash tables che si fondono in un super sistema operativo decentralizzato. In sostanza, questo dOS (non il DOS di Microsoft) verrà utilizzato non solo per cose importanti come i pagamenti, ma anche come infrastruttura web in moltissimi aspetti anche banali della vita quotidiana. Si potrebbero cercare dipendenti consultando informazioni in modo privato su una blockchain con un sistema reputazionale decentralizzato integrato. E-commerce, IoT, tutto,