Kim Dotcom vuole utilizzare Blockchain e Smartphones per costruire un internet Decentralizzata

Kim Dotcom, il creatore di MegaUpload sta cercando di reinventare il futuro con l'aiuto del tuo e di 100 milioni di altri smartphone. Alla conferenza di startup SydStart a Sidney, ha rivelato un teaser del suo prossimo progetto online chiamato MegaNet.

Kim Dotcom vuole utilizzare Blockchain e Smartphones per costruire un internet Decentralizzata

Kim Dotcom, il creatore di MegaUpload sta cercando di reinventare il futuro con l'aiuto del tuo e di 100 milioni di altri smartphone. Alla conferenza di startup SydStart a Sidney, ha rivelato un teaser del suo prossimo progetto online chiamato MegaNet.

Internet sta diventando sempre meno decentralizzata

Forse non sei a tuo agio con la quantità di informazioni richieste su di te da parte di organismi di sorveglianza come la NSA? Forse ti crea problemi che compagnie come Google e Facebook conservino sui loro server informazioni personali su centinaia di milioni di utenti? Magari pensi che svolgere attività online non dovrebbe esporti al rischio di furti di identità in futuro? Kim Dotcom e la sua MegaNet, ovvero Internet decentralizzata, puntano a risolvere i problemi dell'attuale protocollo internet.

Secondo Kim Dotcom, la chiave per un'internet più sicura, più protetta e decentralizzata si trova nella tecnologia blockchain o meglio in una versione alternativa rispetto all'originale di Bitcoin. Ha trascorso gli ultimi due anni a lavorare sul programma e fondamentalmente, a trasformare internet in una app decentralizzata per smartphone. Ecco come funziona in linea di massima:

“Se si dispone di 100 milioni di smartphone che hanno installato l'applicazione MegaNet, avremo maggiore capacità di archiviazione online, larghezza di banda e potenza di calcolo dei dieci siti più grandi del mondo combinati.” spiega Dotcom. “Nel corso degli anni, con questi nuovi dispositivi e la capacità, specialmente in termini di banda mobile, non ci saranno limitazioni. Abbiamo intenzione di usare chiavi molto lunghe, sistemi che non saranno compromessi o decifrati da nessun super computer.

Ha aggiunto:

“Spero che questo diventi uno dei molti approcci per cercare di fermare i governi che tentano di assumere il controllo di quella grande invenzione che è Internet.”

Dotcom dice che userà una versione più veloce della tecnologia blockchain per lo scambio di dati a livello globale. Non ci saranno gli indirizzi IP all'interno di MegaNet, come per l'attuale protocollo Internet Ipv4 utilizzato dalla maggioranza degli utenti per la sicurezza. Inizialmente verrà usato il protocollo internet corrente come un “dumb pipe” per iniziare. Lui e il suo staff stanno lavorando ad un nuovo tipo di crittografia che funziona a prescindere da come si accede a MegaNet. La larghezza di banda viene dall'uso di Wi-Fi quando il telefono è inattivo e non richiede l'utilizzo degli indirizzi IP.

E' veramente possibile?

Siamo più vicini di quanto si pensi. Abbastanza per fare una presentazione a SydStart, Dotcom crede che la sua azienda posa essere pronta a cercare un investimento iniziale già a gennaio 2016. Dopo il primo finanziamento il piano è quello di costruire un prototipo funzionante e di impegnarsi in una campagna crowdfunding per il completamento di MegaNet.